La Luce del Marmo

La Luce del Marmo, 4/8 aprile 2017
The Mall di Porta Nuova , Fuorisalone Milano
Prima tappa di Marmotec on Tour

Fabio Novembre, architetto conosciuto in tutto il mondo per il suo approccio visionario, in collaborazione con Campolonghi – azienda che lavora con i maggiori studi di progettazione e architettura – ha ripensato HER, l’iconica sedia antropomorfa di Casamania che celebra la bellezza e l’eleganza del corpo umano. Giuliano D’Angiolo, titolare di Campolonghi, definisce l’iniziativa milanese “un importante e nuovo approccio di IMM che lega il marmo al Made in Italy attraverso il design d’autore.”
Nicola Venutelli ha progettato le opere per Errebi Marmi S.r.l., società nata dall’esigenza di portare sul mercato i materiali estratti della ditta Ferdinando Vanelli di G. V. S.r.l. comelo Statuario, lo Statuario Venato, il Venatino, il Calacatta e il Bardiglio. Nella prima opera, Einston, energia e materia si interscambiano, proprio come nella formula di Albert Einstein, riassumendo l’essenza del mondo. Nella seconda opera, Legaccio, il rude imballaggio per lastre di marmo viene svuotato e i materiali, sapientemente lavorati, diventano un raffinato ed essenziale contenitore d’arredo per interni.
Nicola Venutelli oltre che con Errebi partecipa insieme a Fibra. ai quali si è aggiunto successivamente Fabio Braccini.
Quasi per vocazione naturale, l’attività si è sviluppata fin da subito intorno alla materia prima e con il passare degli anni è cresciuta proprio grazie alla costante ricerca di nuovi marmi – come il TobaccoBrown, conosciuto anche come Eramosa – e alla riscoperta di antichi marmi italiani – ad esempio il Calacatta Cielo, il Calacatta Aurora, il Bianco Lunezia ed il CalacattaLunae.
L’architetto giapponese e scrittore Kengo Kuma e grande maestro riconosciuto per la sua grande capacità di interpretare con sapienza il concetto di leggerezza legato alla pietra naturale – presenterà con Franchi Umberto Marmi l’installazione Eurodescape. che sembra essere stata creata nei secoli dal lento lavorio degli elementi naturali, come l’acqua e il vento, invece che dai sofisticati processi produttivi con cui, in realtà, sono state scolpite le superfici. Franchi Umberto Marmi é un’azienda leader nel settorelapideo. Dalle sue cave provengono i marmi che caratterizzeranno il progetto della “tower one” del WorldTradeCenter e i suoi materiali contribuiranno alla realizzazione della nuova ala della Mecca a Jeddah.
Pietro Carlo Pellegrini architetto, ha realizzato il progetto per Garfagnana Innovazione che nasce nel 2011 con l’obiettivo di sviluppare, attraverso l’uso della tecnologia, la filiera della lavorazione del settore lapideo ed incrementare il sistema di trasformazione locale dei materiali estratti.Innovazione
l’opera esposta, Trame, evoca emozioni, luoghi e, appunto, trame di questo nobile materiale, dimostrandone l’intrinseca leggerezza e duttilità.
Chen Xiangjing, pioniere della moderna scuola di design d’interni cinese, considerato tra i 10 migliori designer del continente asiatico progetta l’opera per GMC Spa. La società opera nel settore del marmo e del granito dal 1973. La scrupolosa selezione di marmi e graniti e l’attenzione nell’intero processo produttivo sono la chiave del successo aziendale sui mercati mondiali. Break the Symmetries: le simmetrie della macchia aperta vengono destrutturate, rese geometriche e scomposte su questa opera. Quello che a prima vista può sembrare una figura geometrica, in realtà non ha nulla se non un piccolo centro che crea l’illusione. Così come lo Yin e lo Yang, i due colori si sviluppano dal centro in maniera geometrica creando armonia e illusione.
L’azienda si è affidata a Chicco Chiari, artista noto per le gioiose sculture in marmo di Carrara che riprendono le icone care alle sua giovinezza. La sua opera, Ricordi dal Futuro, si comporrà si “fantasmini” luminescenti, ispirati ad un celebre videogioco, realizzati in marmo bianco di Carrara o Statuario. I quattro personaggi – She, Red, Azur, e Screwball – si differenzieranno l’un l’altro dalla peculiarità dello sguardo. MARMICARRARA rappresenta la maggior azienda del settore lapideo della zona apuo-versiliese disponendo del 50% della produzione delle cave di marmo di Gioia, Canalgrande, Lorano, Belgia e Campanili.
Sa.Ge.Van. Marmi partecipa alla mostra con DOTTA: una libreria a moduli in marmo Paonazzetto.
Il suo valore aggiunto sta anche nell’uso del materiale scelto: lo “scarto” del monte, con l’idea di nobilitare un elemento di scarto per farne un oggetto di design unico,fruibile ogni giorno.
Architetti Diana Pelaez Cialdini, giovane designer messicana e Franco Gemignani. Sa.Ge.Van. Marmi commercializza e valorizza, trasformando nello stabilimento di Avenza- Carrara, tutti i marmi bianchi e “colorati” della società Gemignani & Vanelli Marmi estratti nella cava Calocara A-102 di Carrara.