Dal 10 al 18 giugno arriva White Carrara Downtown, secondo dei quattro step previsti nell’ambito di “4 volte marmo” l’articolata iniziativa messa in campo nell’anno di passaggio fra le due edizioni della fiera CarraraMarmotec. La città offrirà percorsi d’arte, laboratori aperti al pubblico, escursioni alle cave, spettacoli, concerti, scultura all’aperto, enogastronomia ma anche business, garantendo un’ampia gamma di opportunità sia al pubblico generico, che ai professionisti del settore. Quale ottimo “antipasto” a White Carrara Downton sarà possibile arricchire il proprio patrimonio culturale già da sabato 3 e domenica 4 giugno con “Carrara Studi Aperti”, iniziativa dell’associazione culturale “La Formica” realizzata in collaborazione e con il supporto del Comune di Carrara e Amoto, che offre la possibilità di visitare le opere d’arte di più di 180 artisti nei propri studi, ateliers, laboratori, dal mare ai monti, all’interno del comune di Carrara. Partecipano all’iniziativa scultori, pittori, grafici, ceramisti, fotografi, designer, architetti, giovani emergenti ed artisti affermati di ogni parte del mondo. Sul sito www.carrarastudiaperti.it è possibile scaricare la mappa che indica tutti gli artisti e gli studi partecipanti; sia sul sito che su Facebook sono inoltre segnalate tutte le iniziative collaterali degli studi.
A partire poi dal sabato successivo, con l’apertura di White Carrara Downtown, L’Associazione Culturale “La Formica” presenterà “A spasso con l’Arte”, 5 diversi percorsi accompagnati dal piacevole ascolto di una voce narrante e dalla musica, per scoprire il passato storico, ormai sconosciuto, di Carrara, la ricchezza, nascosta in angoli e nicchie, di una città che stupisce con la sua storia, il suo passato e gli aneddoti che girano attorno a una chiesa chiusa, una fontana abbandonata o a un portale di una casa vuota.
I percorsi mostreranno quindi il marmo, gli artigiani, i capolavori ancora esistenti in spazi aperti a tutti, ma spesso trascurati dallo sguardo quotidiano, ma anche botteghe piccole, intime, spesso chiuse al pubblico che lasciano trasparire una realtà unica. L’iniziativa, finanziata da IMM Carrara, si svolge in collaborazione con “I custodi della memoria”, “Dickens Fellowship”, “Accademia Albericiana”, “A spasso per Carrara” e “Amici dell’Accademia di Belle Arti di Carrara”.
White Carrara Downton è organizzata da IMM/Carrarafiere con il supporto del Comune di Carrara e il contributo di Regione Toscana e con la collaborazione di: Accademia di Belle Arti di Carrara , Ass.ne Culturale La Formica, Ass.ne Ristorando , “Il Tau” Tour operator.

Carrara accoglie il gradito ritorno di Sarah Jane Morris
Abbiamo incontrato la nota cantante e autrice britannica di musica jazz, rock e R&B in concerto domenica 11 giugno al Teatro Garibaldi. Ecco cosa ci ha detto:

– Sarah, sei un’artista ricca di sfumature e inclinazioni artistiche, fra cui il design, la pittura, la recitazione…per quanto riguarda il tuo mondo musicale, c’è un messaggio che ti sta a cuore e che desideri trasmettere attraverso la tua musica ?
– Sì, e si può riassumere davvero in poche parole: è l’amore per l’umanità quello che cerco di diffondere attraverso la mia musica
– Questo concerto rappresenta per Carrara un gradito ritorno, cosa pensi della nostra “città del marmo” ?
Sono molto felice di tornare a Carrara, è un posto bellissimo. Amo il marmo, così come mio marito, sebbene non ce ne sia ancora in casa nostra, ma sto pensando proprio al marmo per la sostituzione del nostro vecchio lavello in pietra.
– Felice di sentirlo! Cosa puoi dirci dei tuoi progetti artistici?
Nel 2017 sto promuovendo un album dal titolo “Compared to What” scritto e registrato con l’incredibile chitarrista Antonio Forcione, ma sono anche nel bel mezzo della scrittura e registrazione di un progetto con Alessandro Quarta, di Lecce e Tony Remy, il mio collaboratore storico. Si tratta di un progetto multimediale che speriamo di eseguire nel 2018 e che include anche il film del premiato regista Mark Cousins. Inoltre sto anche scrivendo un vero e proprio “one women show” di musica e teatro basato sulla mia vita, che sarà pronto per il 2019.

Domenica 11 giugno, Nuova Sala Garibaldi, Carrara –
Concerto a cura di IMM/CarraraFiere. Organizzatore: Orchestra Massa-Carrara
http://www.orchestramassacarrara.it/ – info line 0585 042396

Il marmo è servito: viaggio alla scoperta di “wonderful marble”
Fra le iniziative di White Carrara Downtown anche un percorso enogastronomico ad hoc legato alle tradizioni culinarie del territorio. Ne parliamo con Nadia Cavazzini, Presidente dell’Associazione Ristorando, che ha accolto positivamente la proposta di IMM/CarraraFiere organizzando “Il Marmo è Servito”
Nadia, parlaci di wonderful marble, come nasce questa idea?
Wonderful marmo è il nome dei menù speciali che ognuno dei ristoratori aderenti all’iniziativa ha creato in occasione dell’evento, per proporre i piatti tipici della tradizione, in alcuni casi anche servendo sul marmo le pietanze. Oltre a “wonderful marmo” ci sarà un secondo menù elaborato in base alle diverse specialità dei locali aderenti.
Cosa affascinerà di più i visitatori dal punto di vista dell’enogastronomia territoriale?
Il nostro cibo nasce originariamente nel contesto del duro lavoro delle cave e rispecchia le necessità dei cavatori, che mangiavano carne, animali da cortile e preparazioni ricche di apporto nutritivo cucinate con metodi e marinature adatte alla conservazione e alle variazioni di temperatura. Oggi come ieri il lardo rappresenta il prodotto più identitario, oltre che il più conosciuto, insieme ad altri prodotti della tradizione: il baccalà, la pasta coi fagioli, la polenta incatenata e il pancotto, senza dimenticare il pesce azzurro dei nostri mari.
Per info e dettagli https://www.facebook.com/ristorandocarrara/
Aderiscono all’iniziativa: Al Teatro, Cibart, Hope, La Capinera, La Petite Cuisine, Merope’s Steakhouse, Ninan, Rebacco, Roma, Velia.